PROFEZIE

“Insieme manifesteremo ora il Tempio dello Spirito! ” gridò il settimo Figlio, il Dragone. Allora i sette grandi Figli dell’Essere, di cui Tre troneggiano, si spostarono decisi ai loro posti all’Est, al Nord, all’Ovest e al Sud per cominciare il loro immane compito.
Le porte del Tempio erano sbarrate e difese. L’interno era buio poiché la Luce esterna non vi poteva risplendere. Per questo motivo nessuna parte del Tempio era visibile.
Nessun suono disturbava il silenzio assoluto, poiché nessuna sacra Parola vi risuonava.
I Sette non mostravano il loro colore, non facevano risuonare la loro vibrazione, solo una comunicazione silente segnava i progressi del loro lavoro.
Passarono eoni finché entrò il suono della vita proveniente dall’esterno del Tempio e un figlio minore dello spirito bussò alle porte del Tempio. Per un attimo furono aperte le porte del Tempio per ammettere questo figlio dell’uomo, così lui entrò nel Tempio e aggiunse il suo potere a quello che già era presente. Così arrivarono i figli della terra uno per uno, e così in fila vennero ammessi nel Tempio, cosicché la luce cominciò a splendere sempre più chiara nel suo interno.
I figli dell’uomo attraversarono il Tempio da Nord a Sud, dall’Ovest all’Est. Al centro si trovarono davanti alla Rosa, e lì trovarono il cuore, la conoscenza e il potere per operare. Misero da parte il velo che copriva il tempio interiore e fecero un bagno nella pura Luce Bianca.
Il tempo continuò a passare, e il Tempio diventò sempre più bello, e piano piano la sua architettura, le sue proporzioni, i suoi dettagli e finiture presero forma nella luce che aumentava.
Allora venne una chiamata dall’Est: “ Aprite ora le porte a tutti i figli della terra, cosicché possano cercare la Luce e trovare il Tempio dello Spirito. Rimuovere il velo sul loro tempio interiore in modo da entrare nella Luce. Lasciate che i Guerrieri dello Spirito, che per molto tempo hanno occultato i loro sforzi, facciano scendere al piano della terra il Tempio della Vita. Fate splendere la Luce tutt’attorno, fate risuonare la Parola tutt’attorno, fate si che il lavoro di trasmutazione abbia inizio.
Perciò il Tempio della Luce sarà trasferito sulla Terra, per illuminare il sogno del sognatore. L’uomo si risveglierà all’Est, e confronterà le sue paure trovando la sua sfida all’Ovest. L’uomo verrà guidato a trovare rispetto al Sud e a raccogliere la sua forza al Nord. Allora l’uomo cercherà l’unica vera luce e imparerà il segreto della Luce arancio-rossastra che splende sempre all’Est. ”
“Perché dovremmo permettere tutto questo?” chiesero i Tre che troneggiavano al Sette.
“I tempi sono maturi, i Guerrieri sono pronti e lo Spirito si è già mosso nella Luce,rivelando così i sacri colori e facendo risuonare la vibrazione creatrice. Ora tutti i figli dell’uomo sono capaci di ricercare il potere e di impegnarsi nella battaglia per la libertà.
Nessun’altra cosa resta da fare. ”
“Allora così sia” risposero i Tre che troneggiano al Sette. “Così tutti i figli della terra
potranno intraprendere la battaglia”.
 - Tratto dal libro"Il Ritorno dei Guerrieri" di Théun Mares - Gli Insegnamenti Toltechi


"Il figlio della perdizione è questa bestia-[così l'Anticristo viene rappresentato nell'Apocalisse] sembrerà che egli agiti l'aria, che faccia discendere il fuoco dal cielo, produrre dei lampi, il tuono e la grandine, rovesciare le montagne, seccare i fiumi, spogliare il verde degli alberi, delle foreste e renderglielo in seguito".
 - Ildegarda Di Bingen






”Il tempo evolve e arriva in un posto dove si rinnova. C’è prima un tempo per la purificazione, poi il tempo per il rinnovo. Siamo molto vicini a questo tempo. Ci dissero che avremmo visto l’America venire e andare,nel senso che l’America sta morendo dall’interno, perché si sono dimenticati le istruzioni su come vivere su questo pianeta. Sta arrivando il tempo in cui le profezie e l’incapacità dell’uomo di vivere sulla Terra in un modo spirituale arriverà ad un incrocio di grandi problemi.” 

Sta arrivando il tempo in cui le profezie e l’incapacità dell’uomo di vivere sulla Terra in un modo spirituale arriverà ad un incrocio di grandi problemi. 
Gli Hopi credono, io credo,che se non si è spiritualmente collegati alla Terra, e non si capisce questa cosa,la realtà spirituale di come vivere sulla Terra, è probabile che non ce la si farà. 
Quando arrivò Colombo iniziò quella che noi chiamiamo la prima guerra mondiale.
Perché con lui arrivarono tutti dall’Europa. 
Alla fine della seconda guerra mondiale eravamo in America 800 mila.
Da 60 milioni a 800 mila.
Siamo stati quindi quasi sterminati qua in America. 
Tutto è spirituale. Tutto ha uno spirito.
Tutto ci è stato portato dal Creatore, dal Grande Spirito.
Alcuni lo chiamano Dio, altri Buddha, altri Allah, altri con altri nomi.
Noi lo chiamiamo Konkachila. 
Noi siamo sulla Terra solo per alcuni inverni, poi andiamo al mondo degli spiriti.
Il mondo degli spiriti è molto più reale di quanti molti credono.
Il mondo degli spiriti è tutto. 
Oltre il 95% del nostro corpo è acqua.
Per rimanere sani bisogna bere dell’acqua buona.
Quando gli europei arrivarono con Colombo, potevamo bere da qualunque fiume.
Se gli europei avessero vissuto nel mo(n)do indiano potremmo ancora bere tutta l’acqua.
L’acqua è sacra, l’aria è sacra.
Il nostro DNA è fatto dello stesso DNA degli alberi.
L’albero respira quello che noi respiriamo, noi abbiamo bisogno di quello che l’albero espira.
Abbiamo quindi un destino comune con gli alberi. 
Siamo tutti dalla Terra.
Quando la terra, l’acqua e l’atmosfera saranno compromesse,
sarà la Terra a creare la propria reazione.
La Madre sta reagendo. 
Le profezie Hopi dicono che le tempeste e le alluvioni saranno sempre più grandi.
Per me non è una cattiva notizia il fatto che ci saranno grandi cambiamenti.
Non è negativo, è l’evoluzione.
Quando si guarda all’evoluzione nel tempo, nulla rimane uguale. 
(…riferendosi alle scimmie)
Noi diciamo sempre, può darsi sia il vostro antenato, ma non è certo il nostro.
E’ un parente, ma non un antenato. 
Bisogna imparare a piantare qualcosa.
Questa è la prima connessione.
Bisogna trattare tutte le cose come spirito.
Realizzare che siamo tutti una famiglia.
E’ come la vita, non c’è una fine della vita. 
Il Cerchio della Vita è Sacro, tutto ritorna” 
Bisogna trattare tutte le cose come se fossero vive…come uno spirito.
PROFEZIA HOPI - Floyd 'Red Crow' Westerman


"Ci sarà un giorno in cui gli uccelli cadranno dal cielo, gli animali che popolano i boschi moriranno, il mare diventerà nero e i fiumi scorreranno avvelenati. Quel giorno, uomini di ogni razza si uniranno come guerrieri dell'arcobaleno per lottare contro la distruzione della... Terra"
Quando il Tempo del Bisonte Bianco starà per avvicinarsi,i figli dagli Occhi Bianchi si lascerà crescere i capelli e parlerà d'amore come possibilità di guarigione per i Figli della Terra. 
Questi Figli saranno alla ricerca di nuovi modi per comprendere se stessi e gli altri. 
Essi indosseranno piume e pietre e si dipingeranno il volto. 
Essi cercheranno gli Anziani della Razza Rossa e attingeranno alla fonte della loro saggezza. 
Questi Figli dagli Occhi Bianchi saranno il segno che gli Antenati stanno facendo ritorno,all'interno di corpi bianchi con l'anima Rossa. 
Essi cammineranno su Madre Terra in perfetta armonia e riformeranno l
e idee dei capi bianchi. Questi figli verranno messi alla prova,proprio come nei tempi antichi in cui abitavano corpi Rossi. 
I Guerrieri dell'Arcobaleno saranno svegliati con i sogni attraverso 
le visioni essi impareranno a Camminare in Equilibrio la Via di Mezzo. 
I mutamenti di Madre Terra spaventeranno i Guerrieri dell'Arcobaleno ,molti ricorderanno lo scopo del loro Cammino Terreste e impareranno a sviluppare le proprie facoltà per assistere l'intera umanità. 
La Verità abbatterà i muri della separazione e la bontà avrà la meglio. 
Ognuno dovrà fidarsi delle proprie visioni personali e seguire il proprio cuore per poter prestare il proprio servizio al piano universale . 
Ogni individuo sarà in grado di usare i propri talenti con gioia,prendendo parte in modo equanime all'abbondanza creata da tutte le persone che lavorano assieme. 
Gli insegnamenti della profezia dell'Arcobaleno Rotante verranno rivelate ,quando più persone avranno risvegliato il loro pontenziale che hanno in sè. 
L'Arcobaleno Rotante della Pace annienta le menzogne che hanno fatto si 
che i Figli della Terra non si fidassero gli uni degli altri 
e sostiuisce l'illusione della separazione con la verità e l'unità. 
Quando la Donna Arcobaleno porta la fresca pioggia rigenerante a Madre Terra 
i Guerrieri dell'Arcobaleno gioiscono ; 
questi guerrieri sono Sorelle e Fratelli che uniscono il Quinto Mondo e operano per la Pace.
- Profezia Hopi - Sorgere al Quinto Mondo
Quando Sodoma e Gomorra saranno riportate sulla terra e gli uomini vestiranno da donna e le donne vestiranno da uomini, vedrete passare la Morte cavalcando la peste bianca.E le antiche pestilenze saranno come una goccia d'acqua nel mare, rispetto alla peste bianca. Montagne di cadaveri verranno ammassate nelle piazze e milioni di uomini porteranno la morte senza volto...Città con milioni di abitanti non troveranno le braccia sufficienti per seppellire i morti e molti paesi di campagna saranno cancellati con un'unica croce...Nessuna medicina riuscirà frenare la peste bianca perché questa è l'anticamera della purificazione. E quando nove uomini su dieci avranno il sangue marcio verrà gettata sulla terra la falce perché sarà giunto il momento di tornare a casa.'
- Tratto dal volume 'Le profezie di Rasputin' di Renzo Baschera, MEB 1987


«Dicci … quale sarà il segno della tua venuta e della fine dell’età presente?»
ì4 Gesù rispose: «Guardate che nessuno vi inganni; 5 molti verranno nel mio nome, dicendo: Io sono il Cristo, e trarranno molti in inganno. 6 Sentirete poi parlare di guerre e di rumori di guerre. Guardate di non allarmarvi; è necessario che tutto questo avvenga, ma non è ancora la fine. 7 Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi; 8 ma tutto questo è solo l'inizio dei dolori. 9 Allora vi consegneranno ai supplizi e vi uccideranno, e sarete odiati da tutti i popoli a causa del mio nome. 10 Molti ne resteranno scandalizzati, ed essi si tradiranno e odieranno a vicenda. 11 Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; 12 per il dilagare dell'iniquità, l'amore di molti si raffredderà.
23 Allora, se alcuno vi dice: 'Il Cristo eccolo qui, eccolo là', non lo credete; 24 perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno gran segni e prodigî da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti. 25 Ecco, ve l'ho predetto. Se dunque vi dicono: Eccolo, è nel deserto, non v'andate; 26 eccolo è nelle stanze interne, non lo credete-
- Matteo 24


«Perché verrà il tempo che non sopporteranno la sana dottrina; ma per prurito d’udire si accumuleranno dottori secondo le loro proprie voglie e distoglieranno le orecchie dalla verità»
- Timoteo 4:3–4.


15Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. 16Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? 17Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; 18un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. 19Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. 20Dai loro frutti dunque li potrete riconoscere.
- Matteo 7



"Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d'uomo. E tal cifra è seicentosessantasei".
- Apocalisse 13,16-18



[1]Percorrete le vie di Gerusalemme,
osservate bene e informatevi,
cercate nelle sue piazze
se trovate un uomo,
uno solo che agisca giustamente
e cerchi di mantenersi fedele,
e io le perdonerò, dice il Signore.
[2]Anche quando esclamano: «Per la vita del Signore!»,
certo giurano il falso.
[3]Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà?
Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore;
li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione.
Hanno indurito la faccia più di una rupe,
non vogliono convertirsi.
[4]Io pensavo: «Certo, sono di bassa condizione,
agiscono da stolti,
perchè non conoscono la via del Signore,
il diritto del loro Dio.
[5]Mi rivolgerò ai grandi e parlerò loro.
Certo, essi conoscono la via del Signore,
il diritto del loro Dio».
Ahimè, anche questi hanno rotto il giogo,
hanno spezzato i legami!
[6]Per questo li azzanna il leone della foresta,
il lupo delle steppe ne fa scempio,
il leopardo sta in agguato vicino alle loro città
quanti ne escono saranno sbranati;
perchè si sono moltiplicati i loro peccati,
sono aumentate le loro ribellioni.
[7]Perchè ti dovrei perdonare?
I tuoi figli mi hanno abbandonato,
hanno giurato per chi non è Dio.
Io li ho saziati ed essi hanno commesso adulterio,
si affollano nelle case di prostituzione.
[8]Sono come stalloni ben pasciuti e focosi;
ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo.
[9]Non dovrei forse punirli per questo?
Oracolo del Signore.
E di un popolo come questo
non dovrei vendicarmi?
[10]Salite sui suoi filari e distruggeteli,
compite uno sterminio;
strappatene i tralci,
perchè non sono del Signore.
[11]Poichè, certo, mi si sono ribellate
la casa di Israele e la casa di Giuda».
Oracolo del Signore.
[12]Hanno rinnegato il Signore,
hanno proclamato: «Non è lui!
Non verrà sopra di noi la sventura,
non vedremo né spada né fame.
[13]I profeti sono come il vento,
la sua parola non è in essi».
[14]Perciò dice il Signore,
Dio degli eserciti:
«Questo sarà fatto loro,
poichè hanno pronunziato questo discorso:
Ecco io farò delle mie parole
come un fuoco sulla tua bocca.
Questo popolo sarà la legna che esso divorerà.
[15]Ecco manderò contro di voi
una nazione da lontano, o casa di Israele.
Oracolo del Signore.
E' una nazione valorosa,
è una nazione antica!
Una nazione di cui non conosci la lingua
e non comprendi che cosa dice.
[16]La sua faretra è come un sepolcro aperto.
Essi sono tutti prodi.
[17]Divorerà le tue messi e il tuo pane;
divorerà i tuoi figli e le tue figlie;
divorerà i greggi e gli armenti;
divorerà le tue vigne e i tuoi fichi;
distruggerà le città fortificate
nelle quali riponevi la fiducia.
La pedagogia del castigo

[18]Ma anche in quei giorni, dice il Signore,
non farò di voi uno sterminio».

[19]Allora, se diranno: «Perché il Signore nostro Dio ci fa tutte queste cose?», tu risponderai: «Come voi avete abbandonato il Signore e avete servito divinità straniere nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese non vostro».
In occasione di una carestia (?)

[20]Annunziatelo nella casa di Giacobbe,
fatelo udire in Giuda dicendo:
[21]«Questo dunque ascoltate,
o popolo stolto e privo di senno,
che ha occhi ma non vede,
che ha orecchi ma non ode.
[22]Voi non mi temerete? Oracolo del Signore.
Non tremerete dinanzi a me,
che ho posto la sabbia per confine al mare,
come barriera perenne che esso non varcherà?
Le sue onde si agitano ma non prevalgono,
rumoreggiano ma non l'oltrepassano».
[23]Ma questo popolo ha un cuore
indocile e ribelle;
si voltano indietro e se ne vanno,
[24]e non dicono in cuor loro:
«Temiamo il Signore nostro Dio
che elargisce la pioggia d'autunno
e quella di primavera a suo tempo,
ha fissato le settimane per la messe
e ce le mantiene costanti».
[25]Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose
e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;
[26]poiché tra il mio popolo vi sono malvagi
che spiano come cacciatori in agguato,
pongono trappole
per prendere uomini.
[27]Come una gabbia piena di uccelli,
così le loro case sono piene di inganni;
perciò diventano grandi e ricchi.
[28]Sono grassi e pingui,
oltrepassano i limiti del male;
non difendono la giustizia,
non si curano della causa dell'orfano,
non fanno giustizia ai poveri.
[29]Non dovrei forse punire queste colpe?
Oracolo del Signore.
Di un popolo come questo
non dovrei vendicarmi?
[30]Cose spaventose e orribili
avvengono nel paese.
[31]I profeti predicono in nome della menzogna
e i sacerdoti governano al loro cenno;
eppure il mio popolo è contento di questo.
Che farete quando verrà la fine?
- C.E.I.:Geremia 5



Nessun commento:

Posta un commento